Elogio del turpiloquio

Romolo G. Capuano (a cura di e traduzione)

Elogio del turpiloquio. Letteratura, politica e parolacce

Stampa alternativa, Viterbo, pp. 128, 2010.

 

Esecrato dalla morale, vituperato dalle buone maniere, censurato dal linguaggio quotidiano, il turpiloquio appare in questa antologia di scritti in una luce nuova, rivoluzionaria, inaspettata. Addirittura, utile. Tanto che leggendo i brani qui presentati, ci si domanda come sia possibile farne a meno.

Con Swift, Coleridge, Sterne, Trotskij, San Francesco, Hugo, Rubin scopriamo, così, che  le parolacce sanano l’economia di una nazione, tengono lontano il male, alleviano la salute, rinfrancano lo spirito, ci forniscono informazioni preziose sui misteri del sesso e della struttura della società. Insomma, le parolacce servono!

Print Friendly, PDF & Email
Clicca pure!Digg thisShare on Facebook0Share on Google+0Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *