Turpia

Romolo G. Capuano

Turpia. Sociologia del turpiloquio e della bestemmia

Costa & Nolan, Milano, pp. 304, 2007.

Che cos’è il turpiloquio? Un linguaggio da non usare perchè incivile e immorale? Una disgrazia estetica di cui si farebbe bene a non parlare? Una valvola di sfogo? Un semplice intercalare linguistico? E se dietro le parolacce ci fosse molto di più? E se le parolacce ci dicessero qualcosa di noi che va ben al di là di quanto pensiamo?

Questo libro offre, per la prima volta in Italia, un’analisi non ideologica di un fenomeno linguistico tanto esuberantemente presente quanto straordinariamente sottovalutato della nostra esistenza. Adottanto una prospettiva sociologica – la migliore a mio avviso se non si vuole scadere in uno scontato moralismo – Turpia illumina le quinte e i non detto di un “oggetto culturale” profondamente connaturato a noi stessi e che rivela implicazioni insospettate per la nostra società e la nostra vita. Giungendo addirittura a scoprire funzioni positive che rendono bestemmie e parolacce parole insostituibili senza le quali probabilmente non potremmo essere quello che siamo.

Una sfida e una provocazione. Ma anche un’analisi spassionata e aderente al fenomeno. Nella migliore tradizione sociologica.

Leggi il pdf del capitolo “Sull’origine del turpiloquio e della bestemmia”  non compreso nel libro. Troverai le mie riflessioni sull’origine di queso importante aspetto del linguaggio umano.

Print Friendly, PDF & Email
Clicca pure!Digg thisShare on Facebook0Share on Google+0Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

7 risposte a Turpia

  1. Pingback: Sociologia del mongoloide | romolo capuano

  2. Pingback: Le parole per ferire... i disabili | romolo capuano

  3. Pingback: Chi bestemmia di più? L'uomo o la donna? | romolo capuano

  4. Pingback: Perchè diciamo le parolacce che diciamo | romolo capuano

  5. Pingback: Parolacce e dolore | romolo capuano

  6. Pingback: Il turpiloquio come agente rivelatore | romolo capuano

  7. Pingback: Un esempio di turpiloquio apotropaico | romolo capuano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *