Chi tira i fili del calcio?

È capitato praticamente a tutti. Improvvisamente l’auto non parte e diciamo: «Non vuole partire». Oppure, il computer si spegne improvvisamente e commentiamo stizziti: «Mi è morto» o «Perché mi fai questo?». Sappiamo che abbiamo di fronte delle macchine, ma non riusciamo a evitare di trattarle come se fossero esseri viventi con desideri e intenzioni. Soprattutto quando siamo in una situazione caratterizzata da alta emotività o siamo sotto pressione. Questo atteggiamento si chiama in psicologia pregiudizio di intenzionalità, un bias della mente per cui tendiamo a pensare che ciò che accade nel mondo accade perché qualcuno ha voluto farlo accadere.

Questo bias è particolarmente diffuso nei bambini. Come insegnava Piaget, i bambini tendono a pensare che il sole sorge per svegliarci, che la luna è lì per darci la luce di notte e che lo spigolo del tavolo è cattivo perché li ha colpiti intenzionalmente. I bambini scambiano abitualmente incidenti e azioni involontarie per atti deliberati.

Studi come quello della psicologa Evelyn Rosset, It’s No Accident: Our Bias for Intentional Explanations, hanno dimostrato, però, che gli adulti non superano mai del tutto il pregiudizio di intenzionalità dell’infanzia. In altre parole, gli adulti hanno la forte inclinazione a scovare intenzioni anche lì dove non ci sono. Anzi, l’abitudine di giudicare un fatto come intenzionale è per noi automatica e non richiede  alcuno sforzo. Alla mente, lo sforzo è richiesto per andare oltre tale giudizio. Soprattutto, se siamo stressati o soggetti a emozioni forti.  Ad esempio, se ci scontriamo in strada con un nostro simile, la tentazione di pensare che l’abbia fatto apposta è irresistibile. Se un conoscente non ricambia il nostro saluto, la prima ipotesi è quasi sempre che non abbia voluto salutarci piuttosto che non ci abbia visto, era distratto ecc. Se qualcuno fa qualcosa che ci urta, è perché, deduciamo, lo ha fatto di proposito.

Questo pregiudizio, nel caso del tifo calcistico, ha conseguenze inquietanti e drammatiche. Se un arbitro sbaglia a favore di una squadra, è perché, agli occhi dei tifosi della squadra “danneggiata”, ha “voluto” sbagliare. Ugualmente, se ammonisce un calciatore di una squadra che risulterà squalificato nella gara successiva, è perché “ha voluto” avvantaggiare un’altra squadra. Se un giocatore stringe la mano all’arbitro durante la partita è perché, sotto sotto, tra i due c’è un qualche accordo segreto e irripetibile e così via. In casi estremi, qualsiasi cosa accada su un campo di calcio può essere interpretato secondo una volontà contraria agli obiettivi della propria squadra e favorevole alla squadra avversaria, secondo una prospettiva addirittura paranoica.

Insomma, per un tifoso acceso niente è casuale. Tutto è intenzionale. Il problema più grande però è che anche se gli parlate di pregiudizio di intenzionalità non si lascerà mai convincere. Anzi, magari anche voi siete in combutta con il “Palazzo”…

Clicca pure!Digg thisShare on Facebook1Share on Google+0Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on LinkedIn0
Questa voce è stata pubblicata in Sociologia, sport. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *