Archivi categoria: criminologia

L’invenzione della cleptomania

Inventata nel 1840 dal medico francese Marc, la cleptomania è universalmente nota come un disturbo compulsivo e irresistibile che spinge chi ne è affetto a rubare, pur in assenza di necessità. La definizione si applica, in particolar modo, a chi … Continua a leggere

Pubblicato in criminologia | Lascia un commento

Il piromane del Vesuvio?

È dei giorni scorsi la notizia dell’arresto di quello che è ritenuto il responsabile del grave incendio che ha distrutto 10.000 metri quadrati di Parco nazionale del Vesuvio il 14 luglio scorso. Si tratta di un uomo di 24 anni … Continua a leggere

Pubblicato in criminologia | Lascia un commento

Mark Twain. Criminologo

Samuel Langhorne Clemens, alias Mark Twain, è conosciuto da noi per i celeberrimi Tom Sawyer e Hucklberry Finn. I più famosi monelli degli Stati Uniti, ruzzolanti e giocosi, hanno nutrito le letture di molte generazioni di ragazzi, costituendo dei modelli … Continua a leggere

Pubblicato in criminologia | Lascia un commento

C’è un Riccardo III in tutti noi

Del Riccardo III di William Shakespeare, che narra le vicende di un sovrano deforme, particolarmente incline ad atti malvagi, è noto il monologo dello stesso Riccardo, duca di Gloucester, il quale espone in poche parole quella che potremmo definire una … Continua a leggere

Pubblicato in criminologia, Sociologia | Lascia un commento

La costruzione sociale della droga

Ecco alcuni dati in pillole tratti dall’ottavo Libro bianco sulle droghe, promosso dalla Onlus La Società della Ragione insieme a Forum Droghe, Antigone, Cnca e Associazione Luca Coscioni e con l’adesione di Cgil, Comunità di San Benedetto al Porto, Gruppo … Continua a leggere

Pubblicato in criminologia | Lascia un commento

La costruzione sociale della tossicomania

In Italia, il tema della droga e della tossicodipendenza è stato affrontato soprattutto in un’ottica medica, moralistica o psicologico/psichiatrica. Ancora non sufficienti sono le interpretazioni di stampo sociologico e, in particolare, di tipo costruttivistico, che tendono cioè a vedere la … Continua a leggere

Pubblicato in criminologia | Lascia un commento

Il tatuaggio secondo Lombroso e noi

Nel cap. VII del suo L’uomo delinquente (1876), Lombroso descriveva il tatuaggio come «uno dei caratteri più singolari dell’uomo primitivo» per il quale era «un ornamento, un vestiario, un distintivo nobiliare, onorifico e quasi gerarchico; […] un primo richiamo sessuale, … Continua a leggere

Pubblicato in criminologia | Lascia un commento

Sui bambini dimenticati in auto

L’ultima in ordine di tempo è stata Ilaria Naldini di Castelfranco di Sopra, in provincia di Arezzo; l’ultimo genitore (per il momento) in Italia a dimenticare la propria figlia in auto. Una dimenticanza fatale che ha causato la morte di … Continua a leggere

Pubblicato in criminologia | Lascia un commento

Gli immigrati come vittime di reato

Il Naga, associazione di volontariato milanese che si occupa di promuovere e tutelare i diritti dei cittadini stranieri, ha recentemente segnalato il caso di un immigrato irregolare, il quale, aggredito da un ubriaco con una bottiglia di vetro rotta e … Continua a leggere

Pubblicato in criminologia | Lascia un commento

Ancora sul kirpan

In un post precedente, ricordavo come il kirpan, il coltello simbolo religioso per i sikh, sia da tempo al centro di un conflitto culturale in Italia tra autorità istituzionali, che ne negano l’uso in quanto “contrario ai nostri valori”, e … Continua a leggere

Pubblicato in criminologia | Lascia un commento